24. dicembre 2011

Vigasiosexploitation – Il cinema agricolo per un pubblico agricolo

Vigasio ha sempre avuto un posto particolare nel mio cuore, tra le terre in quello sputo di grappa e bestemmie che chiamano Verona, per aver dato i natali a donne come Giorgia Cosplay.
Ma quando oggi ho scoperto questi due piccoli capolavori


il mio più grande desiderio è stato trasferire la residenza a Vigasio.

24. giugno 2009

Imerio Mariotto santo subito!

Berluscane

INCREDIBILE EPISODIO A VERONA
Chiama l’animale ‘Berluscane’
perchè è troppo in calore:
60 euro di multa dai vigili
L’uomo, che ha anche un altro quadrupede chiamato ‘Noemi’, ha modificato il cartello sul cancello di casa: “Attenti al Berluscane“. Gli agenti si sono appellati a questa motivazione per stangarlo.
Fonte: L’Arena.

Imerio Mariotto, il protagonista della vicenda, merita un premio, altro che multe!
Comuque, un’altra occasione per esclamare a gran voce: che città del cazzo Verona!
Punto primo: ma quelli della polizia municipale hanno proprio tutto questo tempo da perdere?
Punto secondo: ma i vicini delatori? Certo se stimano un uomo come quello non potevano che essere degli infami!

Fonte foto: dankkya.

09. dicembre 2008

Tòdaro Monaldo – La cantada de l’Osèl (1973)

E’ noto a tutti, come recita quel famoso adagio popolare: veronesi tuti mati. Quel che non è noto è che la goliardia veronese non è seconda a nessuno. Nei primi anni settanta Tòdaro Monaldo, lo stesso che ideò la Lode de la scoresa (risposta afetuosa de Tòdaro a la Lode de la merda de l’amigo Angelin Sartori), diede alle stampe La cantada de l’Osèl (La canzone dell’Uccello, traduzione di Richie).
Nel libricino di poche pagine, capitatomi tra le mani in questi giorni, l’illustre concittadino si cimenta, in dialetto veronese, in una accorata apologia del membro maschile. Propongo il testo integrale che non mancherà di regalarvi un sorriso. Leggi tutto il post …

16. agosto 2008

Serata dedicata alla Dance Anni ’90

Festa Grande S.Viola 2008Tra le colline sopra Verona c’è una pineta che tutti chiamano Santa Viola. Ogni estate, ad Agosto, si anima per due settimane ininterrotte di festa, con avvenimenti e ospiti internazionali. Ricordo di aver assistito nel 2005 alle esibizioni di Sandy Marton, Tracy Spencer e i Gazebo, alcuni dei protagonisti della musica Anni ’80. Quest’anno la serata revival era dedicata alla dance Anni ’90. Presenti sul palco Regina, Vivan B. dei Da Blizt, Datura e U.S.U.R.A..
Premesso che ho un’avversione viscerale per quel tipo di dance commerciale, che invece piace tanto ai tamarri, mi sono fatto comunque trovare pronto all’appuntamento, fotocamera in pugno, perchè il potenziale trash della serata mi è stato chiaro fin da subito. Encomio solenne per Stefano Mazzavillani dei Datura: suona lo stesso strumento Roland AX-1 dal 1992, il nastro adesivo e il tasto rotto lo lasciano ben intendere.
Considerazione finale: per quanto un genere musicale o un gruppo sia tamarro, se esprime al meglio il concetto di trash con il tempo sarà rivalutato e troverà nuova gloria. C’è speranza anche per DJ Francesco Facchinetti.

18. febbraio 2008

Subsonica live at Verona

Subsonica Eclissi Live - Foto di P.Modica

Ieri sera i Subsonica erano ospiti da Fabio Fazio a Che tempo che fa per presentare L’ultima risposta, il secondo singolo estratto dall’album L’eclissi. Con tanto di polemica al seguito.
Da queste parti siamo andati ad applaudirli dal vivo venerdì scorso.
Si sono esibiti in un palazzetto dello sport, ma i palazzetti, è noto, non sono progettati per i concerti ed il confronto con l’esibizione all’aperto Vicenza 2005 assolutamente non regge. I Subsonica però hanno bilanciato la pessima acustica con un vigoroso e spettacolare impianto luci. Una griglia mobile di led dava l’impressione che il gruppo stesse suonando rinchiuso in una gabbia, dove i fasci di luce rappresentavano le sbarre. Sorprendenti combinazioni di colori e di luci, hanno stimolato i nostri occhi.
Nella scaletta, comprensibilmente, c’era quasi tutto l’ultimo disco opportunamente miscelato con i brani storici. Un po’ in secondo piano invece Terrestre, di cui è stato suonato solo con Ratto e L’odore. L’anima dance della band torinese poco alla volta esce allo scoperto: Samuel presentando Il Centro della Fiamma l’ha dedicata ai ragazzi dell’altergego, la discoteca dove sono passati sia lui che Boosta a mettere i dischi. Si canta, si balla e si suda. Ma il loro motore è pure rock e ha carburato anche con la cover di Up patriots to arm, di Franco Battiato. Giù, nel catino del palazzetto si pogava di brutto. Ma è con Tutti i miei sbagli che ci si rende rendo conto della sacralità del culto della musica live: le pareti del palazzetto vibrano per l’unico, immenso coro che celebra i padroni del suono, sul palco. Lo Stagno, l’ultima canzone, eseguita con le luci che si accendono gradualmente come se si fosse colti da un’alba nel bel mezzo di un sogno, è stata commovente fino alle lacrime.

Non vedo più nessun male che mi possa ferire
Almeno per stanotte non c’è nessun dolore.
Lo Stagno

03. maggio 2007

Play List Maggio

The Fratellis - Chelsea DaggerPreferisco le atmosfere burlesque di Chelsea Dagger dei The Fratellis agli smoking satin di Makes Me Wonder dei Maroon 5.

Mi attiva i neurotrasmettitori il funk di Starz In Their Eyes di Just Jack.

Mi scende la lacrima se rispenso ad Impressioni di settembre della PFM live in Arena nella prima notte bianca di Verona.

Respiro la nebbia, penso a te.
No, cosa sono adesso non lo so
sono un uomo, un uomo in cerca di se stesso
no, cosa sono adesso non lo so
sono solo, solo il suono del mio passo…

« Post sucessivi