31. luglio 2007

Naughty Needles – Aghi Birichini

 Naughty Needles - Aghi Birichini Matteo Ferrato Bordone aveva presentato il fenomeno in questi termini:

Io capisco che possa sembrare il solito discorso senza senso, di chi si vuole mettere di traverso rispetto alla legge dei grandi numeri, però c’è poco da fare. Rispetto a un maglione comprato, quello fatto a mano ha tutto un altro fascino. Per prima cosa quello fatto a mano è meraviglioso ma mai perfetto. Da qualche parte è sempre un po’ storto e guai se non fosse così. E poi c’è attaccata una persona, c’è che l’hai visto crescere, ti sei scelto la lana… Pensate se si riuscisse a unire il calore artigianale del prodotto, a un approccio un po’ meno nonnina sferruzzante e un po’ più gattina dai ferri bollenti? Addio sciarpa della nonna. Benvenuta maglia rivoluzionaria.

Sferuzzare è tornato di gran moda ultimamente, anche tra gli uomini. Il burlesque rivive un secondo splendore già da un po’.
Le due cose apparentemente molto lontane invece non lo sono poi tanto.
Nel manuale Naughty Needles: Sexy, Saucy Knits for the Bedroom and Beyond (in italiano: aghi birichini, maglieria sexy e succosa per la camera da letto e oltre), curato da Nikol Loh, vengono proposti piccanti cartamodelli dal sapore pin-up anni cinquanta, per realizzare a maglia indumenti come bikini o divise da infermiera, che ben avrebbero figurato sul corpo di Bettie Page.
Un’home page per scaricare i modelli gratuiti, due set di foto, unodue, per vedere i modelli realizzati.
Un modo magnifico per dissacrare lo sciocco stereotipo di purezza che avvolge il lavoro a maglia.