01. ottobre 2007

Notturno Bus

Notturno BusUn laureando in filosofia con il vizio del gioco d’azzardo che si difende dagli assalti frontali della vita rifugiandosi nel sedile di guida di un autobus, una ladra professionista e bugiarda impenitente, braccata sia dalla polizia che da un’organizzazione criminale perché per errore mette le mani su un microchip trafugato, incrociano i loro destini.
Che è sceneggiato (ottimamente!!!) da Giampiero Rigosi lo si capisce già dal primo quarto d’ora: le gesta grottesche del poliziotto energumeno Garofano, splendidamente interpretato dal doppiatore Francesco Pannofino, ricordano molto da vicino quelle dell’Ispettore Coliandro versione televisiva. Notturno Bus è vessillo di un cinema italiano che non ha nulla da invidiare alle mega produzioni americane. Un noir con indovinati sconfinamenti nella commedia romantica e nell’action movie in salsa pulp di scuola tarantiniana, dove il sapore dell’ironia alla Fratelli Cohen è ben riconoscibile anche nei frangenti più tragici: come dice il regista esordiente Davide Marengo, questo non è un film di genere ma un film di generi.
Un cast spigliato e di grande effetto in cui per la prima volta Valerio Mastandrea smette i panni popolar-romaneschi per scandagliare le potenzialità di un personaggio sensibile e colto, mentre Giovanna Mezzogiorno smette i panni dell’eronina senza macchia per impersonare la stronza, con la esse maiuscola, che usa i suoi occhioni abbaglianti e le sue morbide curve (sì, finalmente mostra culo e tette, oltre che a una consistente bravura, of course!) per far fessi gli uomini.
L’aeroporto di Fiumicino e la periferia di Roma, quasi sempre in notturna, da non luoghi per eccellenza, in questo film assurgono al ruolo di co-protagonisti. Un paradosso. Ma sono proprio i paradossi a rendere forte Notturno Bus: Titti a dispetto del nome che richiama il giallo canarino è un omone capace di ribaltare una macchina con la sola forza delle braccia, salvo poi scoprire che non era quella la macchina da ribaltare. Battute azzeccate, colonna sonora briosa a cui prende parte anche Daniele Silvestri, avvalorano  solidamente la tesi che Notturno Bus è uno degli episodi più belli del cinema italiano in questo periodo.
Segnalo sul sito del regista Davide Marengo un divertente set di foto scattate nel backstage del film.

6 commenti

1. Andrea Opletal il 01. ottobre 2007 alle 12:38 pm dice:

consigliato quindi?

2. Daniele Verzetti, Rockpoeta il 01. ottobre 2007 alle 12:46 pm dice:

Mi hai messo voglia di andarlo a vedere nonostante Mastrandrea

3. duhangst il 01. ottobre 2007 alle 7:39 pm dice:

Mi hai incuriosito..

4. Giulia il 01. ottobre 2007 alle 8:15 pm dice:

Molto curiosa, Giulia

5. Chiara* il 02. ottobre 2007 alle 10:25 am dice:

Ne sai di cinema eh??!!
..sono andata a vedere David La Chapelle..
Incredibile, un fenomeno!

6. piccole' il 02. ottobre 2007 alle 10:14 pm dice:

Mi hai incuriosito, Mastrandrea l’ho visto in teatro ed e’ bravo,la mezzogiorno ormai e’ quasi una veterana, in gamba!A presto.

Lascia un commento

Puoi usare questi Tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>