29. maggio 2007

Il cinema italiano

Quentin Tarantino @ CannesQuentin Tarantino: il cinema italiano è deprimente

I nuovi film italiani sono deprimenti. Le pellicole che ho visto negli ultimi tre anni sembrano tutte uguali, non fanno che parlare di: ragazzo che cresce, ragazza che cresce, coppia in crisi, genitori, vacanze per minorati mentali.

Marco Bellocchio: Tarantino è un cafone

Tarantino non può dare lezioni. È un bravo regista, ma nel dire certe cose è anche un cafone che non capisce niente

Se c’è un film italiano, tra gli ultimi usciti, che possa essere accostato a qualche lavoro del maestro quello è Arrivederci amore, ciao, di Michele Soavi. Lo si potrebbe paragonare a Jackie Brown… Ma per il resto Quentin ha ragione.

26. maggio 2007

Rikki Kasso, Tokyo Undressed

Rikki Kasso - Tokio Undressed

Nel suo sito ufficiale si legge The less you know the more you’ll learn…
Di Rikki Kasso in effetti si sa ben poco se non che staziona a Tokyo e porta avanti molti progetti.

Ma il mio preferito è sicuramente Tokyo Undressed.

La foto è tratta dal set Where’s the Love.

21. maggio 2007

Wish I Was There

Cannes 2007In concorso:
My Blueberry Nights – Wong Kar Wai
Breath – Kim Ki Duk
No Country for Old Men – fratelli Coen
Zodiac – David Fincher
Promise Me This – Emir Kusturica
Paranoid Park – Gus Van Sant
Death Proof – Quentin Tarantino

Fuori concorso:
Boarding Gate – Olivier Assayas
Go-go tales – Abel Ferrara

Tutti buoni motivi per esserci, ma di gran lunga preferirei esserci per rivederti con quel costume, stavolta sulla sabbia della Costa Azzurra.

Many thanks to Chris38 for the photo

16. maggio 2007

Paris Hilton e il carcere

Paris Hilton Paris Hilton ha un debito con la giustizia.

La bionda ereditiera, che tradotto in parole volgari starebbe per svampita nullafacente, però, prima ha tentato di intenerire il governatore della California, l’artista precedentemente noto come Arnold Schwarzenegger, per ottenere una pena alternativa. Poi, piccata, si è inventata quella storia delle lezioni di karate.

Se ci fosse la possibilità di procrastinare la detenzione perchè il corso di karate dura più del previsto, penso che lei lo farebbe fino alla decorrenza dei termini.

Quando, nel suo caso, per trasformare l’esperienza del carcere in un’esperienza very cool basterebbe che portasse con sè molti contanti (i favori in prigione si pagano), che fosse carina e disponibile con i secondini. Vuoi mai che ci scappi uno di quei video rubati che le danno tanto lustro (e ritorno economico)!

La foto, quanto mai profetica, è di David LaChapelle.
Altri scatti del maestro alla poveretta.

12. maggio 2007

Johnny Palomba a Torino

Johnny Palomba

Chi de spada ferisce er piombo lofà astrisce!

Johnny Palomba, un genio che si nasconde in un mondo in cui i mediocri vogliono solo apparire (Walter Veltroni), è stato avvistato ieri alla Fiera internazionale del libro di Torino.
Per fare concorrenza al subcomandante Marcos.

07. maggio 2007

Provaci ancora Ségolène

Ségolène RoyalAlla fine ha vinto Sarkozetto

Carissima Ségolène tieni alta la testa e continua a sorridere: quasi la metà dei francesi parteggia per te. E la tua sconfitta è un fulgido esempio di dignità: quindici minuti dopo la chiusura dei seggi hai reso onore al tuo avversario.
Nella tua stessa situazione, un anno fa, lo smargiasso leader della destra italiana ha continuato, per settimane, a digrignare la dentiera su presunti brogli. Non sembra neppure aver imparato la lezione a giudicare delle dichiarazioni rilasciate ieri.

Tu tieni duro Ség, anche contro quelli che, all’interno del tuo partito, ti vogliono fare le scarpe.
Sei la prima donna che si è autocandidata, privilegio maschile fino ad ora. Hai rotto un tabù. La politica, come la finanza è maschilista, si sa. Se anche non sei diventata leader della tua nazione, un po’ snob e reazionaria, sarai comunque l’esempio per tutte quelle donne che, da oggi, in politica oseranno di più.

Merci Ségolène.

« Post sucessivi