28. giugno 2006

Subways – Rock’n’ Roll Queen

You are the sun,
You are the only one,
You are so cool,
You are so rock & rollBe my, be my, be my little rock & roll queen
Be my, be my, be my little rock & roll queen
Be my, be my, be my little rock & roll queen
Be my, be my, be my little rock & roll queen

I Subways sono la cosa musicalmente più interessante di questi giorni.

My little rock & roll QUEEN: non un secondo di questo viaggio è stato sprecato.

22. giugno 2006

Laguna Blu

Brooke Shields Ho visto, su MTV, Brooke Shields, in un programma che mostrava lo stato attuale di quei vip che hanno raggiunto il successo quando erano teenager. Brooke Shields si mantiene bene, non c’ è che dire. Ma rimarrà impareggiabile la sensualità che esprimeva nel film del 1980 Laguna Blu, la seconda realizzazione di Randal Kleiser, geniale regista di Grease – Brillantina.
Il plot è molto semplice: il veliero Northumberland naufraga in pieno oceano e gli unici sopravvissuti sono due bambini, Richard (Christopher Atkins), Emmeline (Brooke Shields) e il cuoco di bordo, l’anziano Paddy. I tre approdano su un’ isoletta sperduta, ma dopo un pò di tempo Paddy muore alcolizzato, lasciando i due ragazzini da soli, per fortuna dopo averli addestrati a sopravvivere ed a procacciarsi il cibo. Richard ed Emmeline crescono senza correre troppi pericoli ma una volta diventati adolescenti…
Senza nessun tipo di educazione si trovano a dover far fronte ai cambiamenti dei loro corpi, al primo innamoramento. Una specie di Il tempo delle mele ante litteram.
Laguna Blu I due profughi se la cavano comunque alla grande: hanno un figlio e forse saranno salvati (nel film non si capisce) proprio quando avevano deciso di suicidarsi per seguire la sorte del figlio che si era avvelenato con delle bacche.
All’ uscita del film i soliti gruppi di cattolici ultraortodossi si indignarono principalmente per gli argomenti trattati: lo sviluppo sessuale, mestruazioni, masturbazione, rapporti prematrimoniali, gravidanze adolescenziali e alcolismo.
Ma non raccontiamoci balle: quello che fece parlare, sbavare e per cui si farà ricordare il film furono le infinite scene di nudo. La leggenda vuole, però, che siano state usate delle controfigure, pare che solo le scene in topless siano di Brooke Shields.

Ricordo alcune battute a memoria:
Emmeline: Stai sempre lì a fissarmi le tette!
Richard: Solo perché sembrano così buffe!

Richard: Baciami.
Emmeline: Ma sei tutto appicicaticcio!
Richard: Baciami!

19. giugno 2006

Amo l’estate

Amo l’ estate. Amo il sole. Amo il caldo.
Amo girare scalzo e vestito il meno possibile.
Amo i giorni che iniziano prestissimo e finiscono tardissimo.
Amo sentire pochissimo il bisogno di dormire.
Amo tenere la finestra della mia camera aperta la notte e sentire i grilli e gli uccelli notturni dall’ altra parte della strada.
Amo le nottate passate nelle piazze ad ascoltare le cover band, meglio se funky o rock come in questi week end, o ballare nei dj set all’ aperto.
Amo inebriarmi di birra e grappette ai chioschi delle sagre paesane.
Amo guardarmi intorno e constatare che l’ euforia che mi pulsa nelle vene è generalizzata e siamo in molti in preda al delirio e ai fumi dell’ alcool.
Amo l’ estate per le illusioni che ragala: d’ estate la vita sembra bella come nel video California Girls nella cover di David Lee Roth.

California Girls

16. giugno 2006

Guido Argentini

Guido Argentini Mi sono capitati sotto mano Silvereye e Private Rooms.
L’ autore, Guido Argentini è nato a Firenze nel 1966. Ha studiato Medicina per tre anni presso l’ Università di Firenze. A 23 anni ha deciso di tramutare la sua passione per la fotografia in una professione vera e propria ed ha iniziato a scattare immagini di moda e bellezza. Dal 1990 vive negli Stati Uniti, tra Miami e Los Angeles. Il suo lavoro è stato pubblicato nelle maggiori riviste mondiali, tra le quali Marie Claire, Men’s Health, Panorama, Playboy, Vogue, Max, Maxim. Il suo primo libro Silvereye, pubblicato nel 2003, presenta una serie di fotografie che fanno parte di una nuova ricerca personale, sviluppato tra il 1984 e il 1996, e basato sul suo amore per la pittura e per la danza. Nell’ autunno 2005 è stato pubblicato il suo ultimo libro Private Rooms. Il fotografo a proposito del suo lavoro:

Tutte le immagini sono state scattate nell’ intimità di stanze chiuse. Ville antiche, appartamenti moderni, numerosi hotel, elegantissimi a cinque stelle e squallidi motel a ore arredati con sedie di plastica. Ogni stanza è lo scenario di una storia aperta senza un inizio né una fine.

Il talento c’ è e si vede. Ma io mi chiedo: quando Guido Argentini ha scattato le foto per il peggior calendario della storia era stordito oppure il risultato è il massimo che si poteva ottenere visto la scarsa qualità della materia prima?

08. giugno 2006

Lea di Leo a Lucignolo

Lea di Leo Mezzora dopo la mezzanotte, nella puntata di Lucignolo dedicata al mondo del calcio che si intitolava A CALCI, è andata in onda l’ intervista alla nostra Lea di Leo.

Molto rumore per nulla.

Lea di Leo ha largamente esposto la sua passione per i calciatori ma come prevedevo non sono stati fatti nomi. Solo con noi li ha fatti, con tanto di voti.
Però candidamente ha ammesso che la sua prossima conquista vorrebbe fosse Luca Toni. Staremo a vedere.
Lea di Leo ha una visone tutta sua del mondo del calcio: i calciatori, a suo dire, si sentono usati e per questo cercano valvole di sfogo. Proprio come lei che si sente usata dal mondo del porno:

il porno è alla canna del gas….tutti cocainomani super viziati mi chiedono mille seicento euro x avere i miei film….si derubano tra di loro e poi…..non ne posso più fare la pornodiva è pesante…..giornalisti del gazzettino che mi propongono uno scambio di interessi x un pompino…..che schifo…..io sono….

Tieni duro Lea di Leo!
Ormai il più è fatto: milioni di spettatori hanno visto il servizio di Lucignolo e possono diventare possibili acquirenti del tuo terzo film diretto da Roby Bianchi (in anteprima le foto di scena), girato a fine maggio. O per lo meno fans.
Ormai sei una pornostar famosa. Grazie Lucignolo.
La nostra missione è conclusa, io e Law, socia fondatrice del breakfast club, ora siamo appagati.

Aggiornamento del 10/06/06.
Per i distratti che se la sono persa ecco gli spezzoni dell’ intervista:
La pornostar del pallone, Sesso di Serie A.

06. giugno 2006

Raf (non) Dimentica

Raf ha proposto, con il nuovo lavoro Passeggeri Distratti, l’ ennesimo singolo strappalacrime Dimentica e purtroppo nemmeno stavolta riesco a rimanere insensibile. E’ sempre stato così: Raf ha sempre avuto la capacità di battere alcuni tasti che fanno vibrare corde determinanti nella mia anima. E non so se vergognarmene o no.

Volevo citare il testo di Dimentica in questo post ma per fortuna ho avuto l’ accortezza di fare una breve indagine su chi avesse già proposto questo argomento: orrore! Una marea di persone ha trascritto dimentica il dolore forse l’amore ti ripagherà, dimentica tu fallo per me che ancora non so dimenticare te!

Mi chiedo: ma saranno più blogger donne o blogger uomini che si sono lasciati andare alla malinconia dell’ amore indimenticabile, riportando le tristissime parole?