28. febbraio 2005

Experiences

Boat TripExperiencesIeri con la mia ragazza ho visto Boat trip – Crociera per single. Niente di più che la classica commedia degli equivoci. Ma la scena in cui la protagonista prende una banana in bocca e mostra all’ amico, pensandolo gay, come fa lei i pompini perchè lui le dia dei consigli sulla tecnica per il pompino perfetto, mi ha fatto tornare in mente il film che ho guardato venerdi notte.

Non avevo mai visto film con Eva Henger così ho rimediato noleggiando Experiences del maestro Joe D’ Amato. Il film è famoso perchè Eva concede per la prima volta il suo delizioso culetto al pennellone dello stallone nero Sean Michaels.
Che dire…
Eva Henger ha un corpo da dea però fa dei pompini troppo banali!
C’ è differenza tra prenderlo in bocca e succhiarlo con passione. Eva lo prende in bocca e stantuffa come un pistone, ma non lo succhia con avidità.
Niente a che vedere con i pompini multicolor presi in considerazione in “un boccone indigesto“.

Pregievoli invece le perfomances di Erika Bella e Ursula Moore.

24. febbraio 2005

Splendide Quarantenni

Heather ParisiIl buon emmebi definisce Sarah Jessica Parker, Linda Evangelista, Elizabeth Hurley, Gong Li, Diane Lane splendide quarantenni.
Michele, te ne sei dimenticato una: Heater Parisi.
Martedì 22 febbraio Heater è stata ospite di Teo Mammucari a MIO FRATELLO E’ PAKISTANO su Canale 5.
Sul suo sito ho letto che ne ha 45 di anni. Poco importa. Con quello che ho visto durante la trasmissione la mia Heather è ancora una donna affascinante e piena di sorprese. Non ha più gli addominali scolpiti come 20 anni fa, del resto due gravidanze ti segnano, ma nel vederla ancora così raggiante mi sono con convinto che le mie masturbazioni adolescenziali pensando a lei (o a Lorella Cuccarini a turno) non sono andate sprecate.

Tra parentesi, come non appoggiare l’ iniziativa di Teo Mammucari: www. sciogliamo i pooh. E’ ora che anche Pooh appendano le chitarre al chiodo.

18. febbraio 2005

lauren

esibizionista

lauren

15. febbraio 2005

E adesso… la pubblicità!

Naomi

Ieri era san valentino ma non ho potuto festeggiare perché mia cognata non ne voleva sapere di andare a letto e lasciare libero il divano.
Quindi io e la mia ragazza ci siamo imbambolati davanti alla tv.
Pubblicita Tim: Adriana e Diego oggi sposi.
La mia ragazza dice: “c’ era da aspettarselo che lui scappava!”, in effetti, le ho fatto notare io, absinth lo aveva gia predetto e ne avava esaustivamente preso in considerazione tutti gli aspetti.

Oggi mi capita in mano Rumore di febbraio e quello che dice Sergio Messina nella sua rubrichina mi fa riflettere.

L’ Enel è: l’ energia che ti ascolta! […]
E, dato che l’ Enel è presente nelle nostre case con piccoli buchini nel muro (le prese di corrente), mi pare chiaro come faccia ad ascoltarci. Ma […] ho scoperto che gli attentati alla persona e allo spazio fisico sono molti e variegati. Vodafone: tutto intono a te. Ma come intorno a me? Tutto tutto? […] Ma l’ accerchiamento continua, tra abuso edilizio e prigionia: Banca Mediolanum, la Banca costruita intorno a te. La Metamorfosi di Kafka nel duemila? Svegliarsi e scoprire che t’ hanno costruito una maledetta banca (che di solito sono pure belle solide). Insomma, il messaggio è sempre che il centro del mondo sei tu, con la tua unicità e i tuoi valori. E la Rai potrebbe mai permettersi di ignorali? Non ci pensa neanche: “Nessuno vi conosce come noi”. Brrr, quasi una minaccia. Mi chiedo poi cosa sappiano esattamente e se, ai sensi della legge sulla privacy, posso saperlo anch’ io (e magari anche i miei familiari).

Sarà che ieri sera non ho potuto scopare con la mia ragazza ma io oggi ho deciso che cambio compagnia telefonica cellulare e che non pago il canone Rai.
Non cambio banca perché semplicemente non ho soldi e la corrente continuo a pagarla perché altrimenti mi tocca auto produrmela per connettermi a internet.

10. febbraio 2005

Elektra

Elektra Che non sarebbe stato il film dell’ anno lo sospettavo.
La trama offrirebbe spunti e potenzialità per dare maggior spessore ai personaggi, ma la sceneggiatura è stata trattata come una qualsiasi puntata di X-Files o Star Trek.

A parte questo, Jennifer Garner è brava, bella e brava.
Ha girato le scene d’ azione senza l’ ausilio della controfigura. Ma soprattutto ha fornito una prestazione convincente anche fuori dai panni di Sydney Bristow.
Convincenti sia i combattimenti che gli effetti speciali.

Non è un film che annoia e ti svaga per un ora e mezza. Però non si può certo dire che “appassioni”. Mi rendo conto che però a Rob Bowman, il regista, non si poteva chiedere di più.

Tre sfigati rompicoglioni dietro di me che hanno rotto il cazzo per tutto il fim.

07. febbraio 2005

Un boccone indigesto

Il pompino con l'ingoioLa mia collega blogger sociopatica ha preso in esame una particolare pratica di fellatio.
Non posso che essere concorde con lei nel ritenerla una pratica appagante e coinvolgente, per chi ha il coraggio di osare…
Però come lei stessa dichiara nel forum dedicato all’ argomento

l’ingoio? per il nostro statuto è parte integrante del “pompino reale”, anche se non disdegnamo l’ opzione “venuta sul viso/seno/pancia/sedere”

il nocciolo della questione è proprio l’ ingoio.
Non tutte le donne sono disposte a farlo e come biasimarle visto che non stiamo parlando di succo d’ ananas.
DONNE: se non volete ingoiare non è poi la fine del mondo, l’ importante è che dopo l’ eiaculazione continuiate con la suzione del glande. Questo regalerà sensazioni indescrivibili al vostro partner.

La foto è di Diana Scheunemann ed è tratta dal book Status Quo.

« Post sucessivi