09. dicembre 2008

Tòdaro Monaldo – La cantada de l’Osèl (1973)

E’ noto a tutti, come recita quel famoso adagio popolare: veronesi tuti mati. Quel che non è noto è che la goliardia veronese non è seconda a nessuno. Nei primi anni settanta Tòdaro Monaldo, lo stesso che ideò la Lode de la scoresa (risposta afetuosa de Tòdaro a la Lode de la merda de l’amigo Angelin Sartori), diede alle stampe La cantada de l’Osèl (La canzone dell’Uccello, traduzione di Richie).
Nel libricino di poche pagine, capitatomi tra le mani in questi giorni, l’illustre concittadino si cimenta, in dialetto veronese, in una accorata apologia del membro maschile. Propongo il testo integrale che non mancherà di regalarvi un sorriso.

1
L’è ora e l’è tempo
de ròmpar el giasso
e dir na parola
sincera sul Casso.

Su questo sioreto
modesto e fecondo
che l’è la creatura
più viva del mondo.

E pur nel concèto
de tuta la gente
el Casso purtropo
l’è tanto e l’è gnente.

Da un verso i lo esalta
che guai ci lo tòca
e l’omo e la dona
ghe l’ha sempre in boca.

Da l’altro i lo dòpra
par dir che na cosa
la vàl na monada,
l’è stronsa, noiosa.

E quando che un omo
l’è stupido e strasso
de colpo i lo ciama
na testa da Casso.

Par mi sto giudissio
balordo l’è ingiusto
e solo a pensarghe
me sèco e me insusto.

El Casso signori,
metìvelo in testa,
l’è un drito, l’è un furbo
l’è sempre de festa.

Se tute le parte
del corpo laòra
lu ‘l fa proprio un casso,
lu el vive a la siora.

I brassi sfadiga,
la suca ragiona,
la boca discore,
le gambe fetona,

i denti smartela,
batocola el cor,
lu ‘l dise: «Se ciava!
Mi fàsso l’amor».

2
Ciamèlo pur oco
disighe pur fesso,
che lu ‘l se ne sbate,
che a lu ghe fa istesso.

El dorme beato
nel so bel boscheto,
ma pò el se dismìssia
nel caldo del leto.

E qua el se trasforma:
l’è pronto, sicuro,
el leva, el se indrissa,
l’è forte, l’è duro,

l’è ardito e furioso
la testa ghe pesa:
la vien bela rossa,
la par na siresa.

El parte gaiardo,
l’è un fogo che tira,
l’è come un stantufo
che va a tuta bira.

El lasa la linfa
del so «suvenir»,
po’ dopo el se cùcia
tornando a dormir.

Rivadi a sto punto,
ci èlo el paiasso
che al fesso el ghe ciama
na testa da casso?

Bisogna pur dirlo:
l’è quasi perfeto,
el gha tanti pregi
e gnanca un difeto:

lu’l ciava, lu’l pisa,
lu mai no’l se lagna,
no’l canta, no’l sona,
no’l beve, no’l magna.

L’è sempre de moda,
no’l dise busie,
no’l lese, no’l pensa,
no’l scrive poesie.

Pur sensa palanche
l’è ‘l re dei sioroni
chè, pronti a servirlo,
gh’è lì du coioni.

In quanto a politica:
gh’è gnente da far!
chè lu no l’è nato
par farse ciavar.

E tuti i Partiti,
quei veci e quei novi,
i par fati aposta
par ròmparghe i ovi.

Par dir la so fama,
da resto, gh’è un fato:
vardè quanti nomi
che l’omo g’à  dato!

Soltanto a Verona,
par quel che so mi,
el casso i lo ciama
de spesso così:

el Pìpolo, el Biri,
la Fava, la Bega,
el Tèmolo, el Fongo,
la Sièla, la Tega,

la Renga, el Batocolo,
el Tubo, el Cicìn,
la Cana, la Pendola,
el bel Pistolin,

el Mànego, el Figo,
la Brisa, la Bròca,
el Merlo, la Stanga,
el Bìgolo, el Sòca,

el Spàraso, el Pìcio,
el Mago, el Penèl,
el Folpo, el Bisato,
el Cuco, e l’Osèl.

Me scuso pa’ i nomi,
più neti o più sporchi,
che dèsso i me scapa:
ghe n’è par i porchi.

E so che ogni giorno
gh’in nasse de novi:
con più te ne serchi
de più te ne trovi.

3
Lassèmo da parte
la cronaca pura
par dir che le cose
più bele no dura.

Infati, passada
l’età  de l’amor,
l’è alora che ‘l Casso
deventa un bel sior:

un sior stagionado,
ma ancora ben messo
che tòcia de gusto,
che sfruta el sucesso,

che cambia de piato,
ma ‘l fa economia,
che ‘l gà  manco fogo
ma più fantasia.

E, a ciacole, el dise
che ‘l fa tuto lu,
ma dopo na steca
no’l ghe ne pol più.

Così, pian pianelo,
vegnendo veciòto,
col tempo el se buta
piutosto malòto.

Qualcossa se incrica,
qualcossa no va:
el vol star su drito
ma no’l ghe la fa.

Sucede, ogni tanto,
che ‘l gà  n’impenada:
el parte deciso…
ma’l resta par strada.

L’insiste, el se juta
con qualche trucheto,
ma zà  el perde colpi,
l’è sempre più chieto,

e po’ el se ransìgna
chè ‘l par un bogon:
par ‘ndar a pescarlo
ghe vol el piron.

L’è straco, avilido,
se slonga i coioni,
opur le balote
deventa baloni.

El vol consolarse
coi veci ricordi
ch’je sempre più slisi,
ch’je sempre più sordi.

Te credi che’l piansa:
le lagrime el spande,
ma l’è na pisada
sbrissià  in le mudande.

Ormai l’è a le corde,
l’è un toco de giasso.
E qua devo dirlo:
no’l val proprio un casso.

Pubblicato da Rivista Vita Veronese nel 1973 – 12 pagine.

2 commenti

1. lunA il 09. dicembre 2008 alle 12:17 pm dice:

“Ormai l’è a le corde,
l’è un toco de giasso.
E qua devo dirlo:
no’l val proprio un casso.”

…appunto, nei primi anni settanta. Non avevano ancora scoperto il Viagra!

2. Sara Sidle il 15. dicembre 2008 alle 10:11 pm dice:

Sono passata per un saluto e per farti gli auguri di Natale un po’ anticipati..sono arrivata proprio sul post del casso…vorrà dir qualcosa???^_____^
Bacioni

Lascia un commento

Puoi usare questi Tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>