17. settembre 2008

La canzone di Marco Masini che spara ansia e dietrologia

A volte non è facile spiegare che cosa determina la bruttezza di una canzone, la musica? Le parole? La faccia dell’interprete? Boh! Non ci piace. E basta.
Descrivere l’orrore che suscitano le parole della canzone alla quale è dedicato il post di oggi è impresa ardua, quasi quanto scrivere del brutto impianto tricologico made by cesareragazzi che indossa lo stesso autore (della canzone). Stiamo parlando di Marco Masini. “Ma a parlar male di Marco Masini è come sparare sulla Croce Rossa” diranno subito i miei preziosi lettori. Lo so ragazzi, ma quando ne parlò il buon Vertigoz, (sempre sia lodato), non avevo colto appieno le potenzialità distruttive dell’equilibrio psicofisico dell’ascoltatore che il testo rappresentava. Quelle si che sono armi di distruzione di massa.
Fino all’altra sera, quando ascoltando dISPENSER che la definiva la peggior cover in circolazione, ho capito quanto può far male E chi se ne frega, versione italiana ad opera di Marco Masini, di Nothing Else Matter dei Metallica.

Intendiamoci, nemmeno l’originale è un capolavoro di lirica ma versi come

Il tempo ai cani e la polizia,
spara ansia e dietrologia,
fa che insegua la nostra scia,
e chi se ne frega. [E chi se ne frega...]

fanno veramente pensare che la vita ti riserva ogni nefandezza.
Il problema non è la dietrologia, quanto la sbaranzia1, suggerisce qualcuno in rete, infatti si sussurra che il testo farneticante sia di Giancarlo Bigazzi, uno che, solitamente, con le parole ci sa giocare bene, ma che questa volta ha proprio toppato.

Giancarlo a questo punto ci dovresti dire se hai voluto fare uno scherzo a Masini per vendicarti del (mis)fatto che pure lui è diventato cliente proprio di quel Cesare Ragazzi che ai tempi d’oro degli Squallor avete tanto sbeffeggiato oppure eri solamente in preda a sostanze allucinogene appena giunte sul mercato.

Nota 1: Per un presunto errore di stampa in rete circola un testo della canzone diverso  dove al posto di spara ansia è riportato sbaranzia. Ma, aggiungerei, il risultato non cambia.

10 commenti

1. duhangst il 17. settembre 2008 alle 8:34 am dice:

Gli Squallor! Che figata che erano..
Riguardo a Masini meglio che lascio stare proprio non mi è mai piaciuto.

2. diggita.it il 17. settembre 2008 alle 8:35 am dice:

La canzone di Marco Masini che spara ansia e dietrologia…

La canzone più brutta che abbia mai cantato Marco Masini è “E chi se ne frega”, cover di Nothing Else Matter dei Metallica….

3. Artemisia65 il 17. settembre 2008 alle 5:01 pm dice:

bleah

4. rachi il 18. settembre 2008 alle 4:56 pm dice:

sono giorni che penso alla dietrologia dei cani.

5. flo il 19. settembre 2008 alle 11:15 am dice:

A me piaceva Nothing Else Matter, non ho il coraggio di ascoltare la scopiazzatura masinesca, ma che scrive i testi sotto Prozac?!

6. chit il 20. settembre 2008 alle 10:00 am dice:

Mi parli di Masini e di problema di musica, parole e faccia.
Io credo invece che il problema sia leggermente più “grave” essendo lui un cantante e si chiama “VOCE”. Riuscisse a togliersi quella molletta dai genitali chissà… forse sarebeb anche un bravo cantante ;)

Buon weekend

7. EMILIANO il 05. ottobre 2008 alle 2:12 pm dice:

SECONDO TE L’ORIGINALE NN ERA UN GRAN CHE? D’ACCORDO CHE QUELLA DI MASINI FA SCHIFO.MA L’ORIGINALE NN SE TOCCA UN CAPOLAVORO,MI VIENE DA PENSARE CHE NN CAPISCI UN CAZZO

8. pippo il 31. ottobre 2008 alle 12:36 pm dice:

è uno dei blog più brutti e demenziali mai visti, tratti argomenti sconcertanti con la superficialità di un neonato…vai a lavorare la terra

9. Richard Gekko il 03. novembre 2008 alle 2:08 pm dice:

@pippo: meno male uno se n’è accorto. Sai che ora che finalmente è stata fatta luce su questo aspetto mi sento anche sollevato?

10. Laura il 17. giugno 2009 alle 2:24 pm dice:

Non so come sono arrivata qui..cmq da masiniana ti posso dire che “E chi se ne frega è veramente brutta” e la scelta di Marco nel cantarla non la capisco…però..c’è sempre un però.. il tuo post poteva essere abbastanza giusto fin quando non si vanno a toccare aspetti personali e soprattutto offendere una persona che mi pare non ti abbia mai fatto nulla e neanche lontanamente sa che esisti.. se vuoi innalzarti come grande esperto di musica fallo..esiste la libertà di manifestazione del pensiero (art.21 Cost.) ma criticare la faccia dell’interprete o meglio offendere per la sua fisiognomica non fa di te una persona attendibile e matura. giudica la canzone non il cantante portando fatti e valutazioni non insultando l’operato di chi si è costruito da solo e ce l’ha fatta!

Lascia un commento

Puoi usare questi Tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>