28. marzo 2008

Galline in politica

Daniela Santanchè Alessandra Mussolini

Daniela Santanchè fotografata da Bruno Bisang per il suo calendario sexy. Alessandra Mussolini sulla copertina di Playboy IT.
Dopo le necessarie presentazioni la parola alle protagoniste:

Daniela Santanchè: «Donne non votate Berlusconi perché non ha rispetto per le donne e ci vede solo orizzontali, mai verticali».
Alessandra Mussolini: «È una donna politicamente orizzontale, stia zitta. E’ sempre stata protetta a discapito del merito. Prima con un posizionamento d’onore nel listino bloccato, dietro a Fini e ora scelta come candidato premier da un protettore politico. Non sta certo a me difendere Berlusconi, del quale sono note la galanteria nonché il rispetto delle donne in politica come nella società. Fossi in lei eviterei di cercare la polemica con lui su questo argomento: rischia il grottesco».
Daniela Santanchè: «Abbiamo visioni diverse. A me non piace parlare male delle donne. Ma vorrei sapere cosa pensa suo nonno di Alessandra Mussolini. Penso che si rivolterebbe nella tomba a vederla fare la valletta di chi ha definito il fascismo il male assoluto».
Alessandra Mussolini: «Proprio stanotte ho sognato mio nonno Benito e mi ha detto cosa pensa di lei. Dopo che Fini parlò del fascismo come male assoluto la Santanchè venne eletta senza un voto grazie a Fini. Qualcuno le spieghi che non è necessario parlare quando non ci si rende conto di dire fesserie».
Daniela Santanchè: «Te lo rivelo io cosa ti ha detto il nonno Benito in sogno. Mia amatissima nipotina dovevi essere proprio tu e non la Santanchè a ricordare agli italiani che senza Mussolini non ci sarebbero stati il salario garantito, l’Inps, i diritti per le donne, Cinecittà, Marconi, Pirandello, D’Annunzio, la grande architettura e le grandi bonifiche. Ti perdono mia carissima Alessandra perché non sai quello che fai e con chi stai anche perché senza Mussolini neppure il tuo Fini sarebbe mai esistito politicamente».
Alessandra Mussolini: «Quando lei organizzava scodinzolante convegni a favore dell’ingresso di An nel Ppe e il suo attuale capo pensava al Laziogate, io venivo eletta con oltre 130.000 preferenze in Europa. Non giochi con il fascismo. Non basta una lettura veloce del Bignami o un appunto scritto da altri per poterne parlare ad una abituata al Billionaire».

Coccodè! Coccodè! Coccodè!

16 commenti

1. Markuzzo il 28. marzo 2008 alle 1:44 pm dice:

La mia idea sarebbe quella di fare un bel realiti sciò (nel senso proprio di sciò, così i concorrenti stanno fuori dalle balle dalla vita pubblica per un po’) diviso in due stanze, una per i maschi e una per le donne.
Sarebbe interessante vedere soprattutto quella delle donne, dove metterei insieme le due già citate, più la Brambilla, la Bonino, la Binetti, la comunista-che-non-so-come-si-chiama (ma a cui auguro tranquillamente ogni male) e altre che non mi sovvengono.
Così, per vedere l’effetto che fa… perchè di galline in politica ce ne sono un po’ in tutti i partiti, ahimè. :S

2. chit il 28. marzo 2008 alle 4:21 pm dice:

C’è differenza con gli onorevoli cicciolina e (futura, probabile) milly d’abbraccio?? Si, che queste ultime non si sono mai vergognate di dire e mostrare il loro vero lavoro :P

Galline è un’offesa… per la specie chiaramente!? ;-)

3. Rachi il 28. marzo 2008 alle 5:12 pm dice:

Non concordo con markuzzo: ma hai mai visto la binetti fare la superifga?? O la Bindi? O la Bonino? Credo che le donne siano, per ora, le uniche che danno un minimo di dignità e credibilità alla politica.
Escluse quelle due ristrutturate, siliconate, ricucite, ritettate, in cerca solo di visibilità che hai citato.

4. duhangst il 28. marzo 2008 alle 5:18 pm dice:

Però che bel teatrino.. Da quale film hai tratto lo scatch?

5. Artemisia65 il 28. marzo 2008 alle 5:33 pm dice:

la verità è che le donne in politica o sò monache racchie che a tutti i costi devono dimostrare d’esser brave castigando la loro femminilità e rendendosi + brutte di ciò che sono
oppure sono alla stregua di conigliette
mah

6. p.s.v. il 28. marzo 2008 alle 7:24 pm dice:

io la santanchè me la farei. sempre.

7. Markuzzo il 28. marzo 2008 alle 8:31 pm dice:

@Rachi: ma gallina non è necessariamente sinonimo di superfiga… da quando in qua? (a parte che la Bindi nemmeno l’ho citata… :D )
Io di donne che sanno fare bene politica, ad oggi, francamente non ne vedo nemmeno una. Poi, oh… de gustibus!

8. Sara Sidle il 28. marzo 2008 alle 9:24 pm dice:

Queste due andrebbero prese e mandata a lavorare in miniera, con calci in culo ogni 5 minuti, miste a ciabattate ogni 10.
Non votiamole, donne, sono la nostra vergogna!
Ma poi la Santanchè, in che stato è?@__@
Bacioni

9. Edith il 29. marzo 2008 alle 1:53 pm dice:

Hmmm … ma può essere che noto un bel po’ di maschilismo??? se io voglio andare a fare politica in costume ci vado. sono le mie idee che contano . (dopo che siano giuste o sbagliate è un’altro conto…… :D ) però intanto ho la forza di farmi valere.
mah ….. a questo punto anche io allora : coccodè coccodè :D

10. nadiaflavio il 31. marzo 2008 alle 7:24 am dice:

Forse su queste due, viste anche le foto, Berlusconi ci aveva azzeccato!

11. Pepenero il 31. marzo 2008 alle 9:20 am dice:

MAmma mia, la Santanchè fa paura in questa foto.

12. Fra tino il 31. marzo 2008 alle 11:34 am dice:

Galline, appunto… per via del cervello piccolo.

13. Chiara* il 31. marzo 2008 alle 2:52 pm dice:

.hihihihi..mi sono beccata sto dibattito a radio popolare recitato da due cronisti.. stavo male dal ridere!!!
Queste due son proprio cretine..

14. Daniele Verzetti, Rockpoeta il 31. marzo 2008 alle 5:56 pm dice:

Sono proprio ridicole :-)

Ciao Richie
Daniele

15. mallet il 31. marzo 2008 alle 7:27 pm dice:

Si si io sono maschilista e quelle due sono galline. E se la natura le ha dotate di quelle bocche lì c’è il suo bel motivo hihihihi

16. flo il 01. aprile 2008 alle 12:10 pm dice:

Non sapevo che la Santanchè avesse fatto perfino un calendario secccsssy!

Lascia un commento

Puoi usare questi Tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>