18. marzo 2008

Across the Universe

Across the UniverseNon è un film. Non è un musical sui Beatles. Non è teatro. E’ un po’ di tutto ciò.
Il risultato dell’ultimo lavoro di Julie Taymor è una serie di affreschi sul ’68 con le canzoni dei Fab Four a far da colonna sonora.
I protagonisti sono la musica, l’amore, la psichedelia, la guerra in Vietnam e di conseguenza il pacifismo, le rivolte giovanili, l’omicidio di Martin Luther King. Nei personaggi rivivono i miti di quell’epoca: Dana Fuchs che canta Helter Skelter e Don’t let me down come se fosse Janis Joplin, JoJo che negli assoli di chitarra e negli abbigliamenti omaggia palesamente Jimi Hendrix.
Divertiti e divertenti cameo di personaggi del calibro di Joe Cocker che per il ’68 c’è passato e deve gran parte della sua fortuna alla cover di A Little Help From My Friends, o Bono degli U2 che mette in scena la copia sputata del Neal Cassidy raccontato da Jack Kerouac.
Particina come sexy infermiera (in un’allucinazione) anche per Salma Hayek, che era la Frida nel precedente film di Julie Taymor.
Straordinari i collaboratori della regista statunitense: Daniel Ezralow per le coreografie e Elliot Goldenthal per gli arrangiamenti musicali. Bravissimi davvero.
Il confronto è con il musical Hair e Across the Universe non sfigura. Lo dice un trentenne, quindi fonte attendibile perchè anagraficamente immune all’effetto nostalgia.
E’ stata una vera sofferenza, durante la visione, non aver potuto ballare e cantare in sala come ogni cellula del corpo esigeva…

14 commenti

1. duhangst il 18. marzo 2008 alle 11:25 pm dice:

Mi hai convinto mi compro il DVD.

2. Artemisia65 il 19. marzo 2008 alle 7:24 am dice:

concordo
e x una beatlesiana come me
è stata una goduria ;)

3. nadiaflavio il 19. marzo 2008 alle 9:22 am dice:

C’è posta per te!

4. chit il 19. marzo 2008 alle 1:53 pm dice:

Non l’ho ancora visto ma essendo della classe ’67 non posso non provvedere immediatamente, soprattutto dopo una simile recensione.

5. rachi il 19. marzo 2008 alle 4:59 pm dice:

Non amo molto questo genere, come be sai, ma qui la musica è celestiale! Merita uno strappo alle abitudini.

6. manomano il 19. marzo 2008 alle 8:43 pm dice:

Cazzarola, e poi si lamentano che la vendita dei DVD non tira… 32 euro!
Come dicevano i latini, scaricamus

7. flo il 20. marzo 2008 alle 12:37 pm dice:

Bravissima Salma Hayek in Frida, questo invece per il momento me lo sono perso…

8. Daniele Verzetti, Rockpoeta il 20. marzo 2008 alle 3:05 pm dice:

Stessa “leva” di Chit. Sono incuriosito anch’io. Sembra uno spaccato davvero ben realizzato di quei tempi e con musica che come tu stesso hai ammesso, ti fa venire solo voglia di muoverti :-)

Ciao Richie
Daniele

9. Sara Sidle il 20. marzo 2008 alle 6:35 pm dice:

Non è il mio genere, ma il tuo giudizio tanto positivo mi ha incuriosito.Lo prenderò in considerazione.
Bacioni

10. Alex il 20. marzo 2008 alle 11:13 pm dice:

forse ho letto male o superficialmente data l’ora e l’abbiocco… ma dimmi: è un dvd che si trova? e dove? affittarlo? comprarlo? insomma tutto ciò che riguarda i fab ’60 per me è religione e allora… ti prego, fammi sapere.

ciao amico
Alex

11. manomano il 21. marzo 2008 alle 11:22 am dice:

@Alex: Uscirà a giorni

12. lunA il 21. marzo 2008 alle 2:44 pm dice:

Ti deve essere costato stare fermo. Lo so per certo.
Cambierai idea con johnson

13. lunA il 22. marzo 2008 alle 7:26 pm dice:

buon compleanno richie, auguroni!!!!

14. la reine il 26. marzo 2008 alle 11:13 am dice:

anche a me piacque e ho trovato alcune scene molto forti visisamente ;) ps grazie per gli omaggi, graditi assai!

Lascia un commento

Puoi usare questi Tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>