07. dicembre 2007

Essere o non essere tamarro, questo è il problema!

Tamarro

ciauz richie…t volevo kiedere cs’è ttt qst ostilità verso i tamarri???….nn siamo km i grezzi k si vestono con abiti taroccati….ok magari siamo 1 pò esagerati dal punto di vista del vestiario ma…allora xk nn ve la prendete anke kn quei kazzo di kabinotti?????!!!!!anke loro sn vestiti da kapo a piedi D&G!!!!!!!e vi assikuro ke anke loro si fanno le ragazze kosì x divertimento e poi nn le kagano +….fidatevi…ne sn 1 prova vivente…brutta esperienza….kmq anke se io ho espresso il mio parere e vorrei rilanciare IL TAMARRO (qll intelligente k va skuola e studia e nn km qlkn k lo definisce “allergiko alla kultura”) penso k tutti debbano rispettare lo stile altrui….in poke parole:NN ROMPETE IL KAZZO SE HO LE MUTANDE DI PLAYBOY O CALVIN KLEIN!!!!!!!!!
Mary, Pinerolo (TO)

Carissima Mary,
la tua giovane età ti induce a fare confusione su un concetto fondamentale.
Negli anni 80 c’erano i paninari, ragazzi (più o meno della tua età) della borghesia milanese che vestivano tutto firmato (Best Company, El Charro, Timberland, Moncler) mentre i tamarri erano i figli delle classi meno abbienti che non potevano permettersi né costosi capi di abbigliamento, né costose rette ai licei privati. Anzi, molti non si potevano permettere nemmeno le scuole pubbliche.
Il termine Tamarro, quindi, aveva una forte connotazione negativa. Connotazione rimasta immutata fino ad oggi. Se a Torino gli eredi dei paninari li chiamate cabinotti, quando in realtà la loro definizione universalmente riconosciuta è fashion victims, i tamarri restan tamarri. Oggi il benessere generalizzato ha dato la possibilità di vestire griffato a molte più persone, senza dover ricorrere alla merce taroccata pur di esibirsi, e anche il tasso di scolarizzazione è notevolmente aumentato.
Il tamarro invece è scevro da ogni evoluzione generazionale: è rimasto lo zoticone che era perchè il tamarro è allergico alla kultura per antonomasia. La colpa non è tutta sua e della di lui famiglia: è anche della scuola, che, suo malgrado, negli ultimi vent’anni si è trasformata in centri di permanenza temporanea (CPT) per utilizzatori di telefonino.
Dolce Mary, scarica sul tuo lettore mp3 le canzoni Supercafone d’Er Piotta e Funkytarro degli Articolo 31. Quelle sono l’essenza perfetta dell’essere tamarro, dove la musica tunza tunza a tutto volume e automobili, dai colori improponibili, affette da extreme tuning sono i peccati più veniali.
Ora, capisci bene che non ci sarebbe nulla di cui vantarsi nell’essere una persona gretta, schiava della firma, omologata che se ne sbatte allegramentedi chi gli sta accanto. Ricordi Shpalman di Elio e le Storie Tese? Un tamarro dietro l’angolo voleva incularmi la Vespa/ un tamarro dietro un altro angolo voleva incularmi la catenina.
Nel 2007 il re incontrastato dei tamarri è Fabrizio Corona: trovi in lui un modello di riferimento? Mi auguro di no.
Come hai sottolineato tu non è una questione di marche di mutande, ma di modo di porsi verso il prossimo e di stile, ma non nel senso che intendi tu. Infatti il modello a cui si rifà il tamarro medio denota proprio la mancanza di stile, soprattutto di un proprio stile, fatto di esperienze personali, di scelte non influenzate da modelli imposti.
Che poi uno usi le ragazze come oggetti, si fanno le ragazze kosì x divertimento e poi nn le kagano +, è uno stronzo punto e basta, indipendentemente dal modo di vestire, di atteggiarsi, o dall’auto che possiede.
Piccola Mary, risparmia qualche soldo della paghetta che spenderesti da Gucci o Prada per fare acquisiti in libreria. Guarda qualche bel film, e non solo High School Musical o WINX CLUB… e guardati intorno… la tua vita migliorerà sensibilmente. Questo, almeno, è il mio augurio.

Considerazioni a margine: almeno il paninaro era un tipo tosto che vestiva troppo giusto. Cuccava le sfitinzie e faceva cose da vera libidine. Insomma il suo linguaggio era ricercato ma comprensibile. D’accordo che allora gli sms nessuno ancora sapeva cosa fossero ma sti adolescenti d’oggi scrivono che non si capisce 1 kzz!

Many tnx to Steven Brown for his photo.

15 commenti

1. Artemisia65 il 07. dicembre 2007 alle 7:22 am dice:

concordo in pieno
e aggiungo…a tutti i tamarri: la finite di usare tutte quelle k?
:)

2. Markuzzo il 07. dicembre 2007 alle 9:37 am dice:

Piccola Mary, comincia intanto a scrivere come ti hanno insegnato a scuola… che con tutte quelle K mi fai venire l’ulcera!

3. bastax il 07. dicembre 2007 alle 10:59 am dice:

io devo prendere la parte dell’avvocato del diavolo (tamarro): ne conosco almeno uno che agli occhi è assolutamente tamarro, impazzisce per gigi dag e le auto truccate e no. Poi però è un’ottima persona, e scrive persino in italiano quasi del tutto emendato da k, x, kome, nn, ecc.
Per la serie: anche i tamarri hanno un’anima

4. duhangst il 07. dicembre 2007 alle 11:34 am dice:

Ci credi che non ci ho capito nulla di quello che ti ha scritto Mary, troppe abbreviazion! :-(

5. rick_deckard il 08. dicembre 2007 alle 12:53 am dice:

mi hai tolto le parole di bocca….

ciao

6. rick_deckard il 08. dicembre 2007 alle 12:54 am dice:

scusa l’ignoranza, ma chi è quello nella foto? non per altro ma con quella faccia rovina un così bel didietro

7. Pepenero il 08. dicembre 2007 alle 11:10 am dice:

ma da dove se ne esce mary?! 0_0

8. flo il 08. dicembre 2007 alle 2:10 pm dice:

Ti prego dimmi che Mary da Pinerolo è solo una tua geniale invenzione e in realtà non esiste!

9. chit il 08. dicembre 2007 alle 2:42 pm dice:

Questi sono tutti figli della Ruota di Mike Bongiorno solo che non gli hanno detto che possono usare anche le vocali, quelle, a differenza delle mutande di PLAYBOY O CALVIN KLEIN fino a prova contraria, sono ancora gratis!

p.s. ma quella della foto è Mary? … no perchè altrimenti ritiro tutto quello che ho detto.. :D

10. p.s.v. il 08. dicembre 2007 alle 5:08 pm dice:

Un post fantastico. Un post utile. Dovrebberlo leggerlo in tanti, questo post. Ti abbraccio

11. Christian biscuit il 08. dicembre 2007 alle 8:53 pm dice:

La vogliamo smettere di usare ste k del Ca…volo.. Non le sopporto proprio.. passi qualche abbreviazione.. ma.. visto che la lingua italiana è bellissima.. perche non usarla mi chiedo??!!!!

12. mallet il 10. dicembre 2007 alle 1:54 pm dice:

ma il Kazzo è più grosso del cazzo?
ma il Kulo è più sodo del culo?
ma kiavare è meglio che chiavare?

..fanculo

13. Edith il 11. dicembre 2007 alle 5:02 am dice:

Ehm mallet :) ecco hai sbagliato a scrivere .. dovevi scrivere fanKulo eh ..
dobbiamo stare al passo coi tempi .. siamo della compa e della crue uè io raga tutto rego eh? mi disp tnt ke tu cmq … sio can … mi uccido prima di finire una frase del genere :)

Ciau
PS=MAry .. appena ritrovo il cappio, te lo porto.

14. Daniele Verzetti, Rockpoeta il 11. dicembre 2007 alle 12:38 pm dice:

Ma ‘ una persona vera questa mary? Io pensavo che l’avessi inventata tu per fare questa risposta! Ma esistono ancora questi ritrovati archeologici?

Grande risposta Richie, tecnicamente ineccepibile e nei contenuti da me totalmente condivisa.

Ciao
Daniele

15. mallet il 11. dicembre 2007 alle 6:05 pm dice:

Edith, iio porto il sapone e lo sgabello

Lascia un commento

Puoi usare questi Tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>