15. dicembre 2006

La clinica della vergogna

Anita Blond @ Markette Che Piero Chiambretti oltre che bravo fosse un furbacchione lo sapevamo. Che una biondina scosciata che parla italiano poco poco fa audience lo sapevamo. Però è ora di smetterla con tutte queste puttanelle che cercano la redenzione mass mediatica.
Parafrasando il titolo del primo film interpretato dal suo ospite, Piero Chiambretti ha trasformato Markette in un ambulatorio dove Anita Blond, ex attrice porno ungherese, ha confessato la sua vergogna per i suoi trascorsi e la voglia di redenzione. Il medico Piero Chiambretti, che invece del camice indossava una mascherina da porno amatoriale, si è molto prodigato, a colpi di battute dal sottile doppio senso, per trovare la terapia riabilitativa adeguata.
Anita Blond, trent’anni compiuti a maggio, si aggiunge così alla folta schiera pornoattrici che si cospargono il capo di cenere e si mettono in fila per un posticino in tv. Ha abbandonato i set porno nel 2001 dopo un centinaio di titoli realizzati. Però ha continuato a girare i night club e fare spettacoli lesbo con la sua alter ego Anita Dark.
La vera vergogna è che Anita Blond non dica chiaramente che come finalista di miss Ungheria, come è stata lei, uno straccio di programma in cui mostrare le gambe le farebbe comodo invece di inscenare quella pantomima del pentimento. Di cosa dovrebbe essersi pentita poi? Di aver girato solo una scena anal in tutta la sua carriera?
La vera vergogna è che Piero Chiambretti, seppur con mestiere e ironia (P.C.: Ma dopo aver finito di girare, succede come qui che si va al ristorante o in pizzeria tutti insieme con i tecnici e gli attori? A.B.: Certo! P.C.: Spero dopo esservi lavati le mani!), ricorra a queste scenette comico-pecorecce per un pugno di ascoltatori in più.


TNX to tvsee for the captures

8 commenti

1. FulviaLeopardi il 16. dicembre 2006 alle 10:44 am dice:

sinceramente non ce ne dovrebbe fregare di meno di certi pentimenti ;)

2. angelos il 17. dicembre 2006 alle 9:14 pm dice:

Non ha detto che era pentita.
Ha detto che l’ha fatto solo per soldi.
Non sapeva della quantità industriale di malattie che ci si becca ad ogni film. Epatite a, b, ecc…
Ad ogni film ti becchi qualcosa
Quindi ha smesso per quello, una volta tirato su un bel gruzzolo

3. richard gekko il 18. dicembre 2006 alle 12:20 am dice:

@angelos: nella puntata di giovedì scorso 14 dic l’ ha detto chiaramente che era pentita e che voleva riscattarsi.

4. cherry delicious il 18. dicembre 2006 alle 12:21 am dice:

Bah. Anch’io credo molto poco a questo pseudo pentimento. Poi poichè in camera mia sul mio televisore non riesco a sintonizzare la 7 (si, lo so, sono una maga della teconologia), non vedo mai markette…cavolo, mi sono persa un puntatone allora!
;)

5. CARLITOS il 27. dicembre 2006 alle 6:30 pm dice:

alguien que pueda traducir el texto al español por favor? Gracias

6. piero il 06. gennaio 2007 alle 12:19 am dice:

Cerco qualcuno che mi dica chi canta quel pezzo che accompagna l’annuncio dello strip di Anita Blond.
Lo strip non si è mai visto ma la canzone che presenta lo strip è favolosa….Aiutatemi Grazie Piero

7. dario il 09. gennaio 2007 alle 1:23 pm dice:

Estimado Carlito

lo siento mucho todavia aun que te lo habia traducido con mucho gusto mi red de internet no me deja enviar mensajes tan largo!!!
resumiendo, solo dice que anita blond intenta pedir disculpa por lo que ha hecho en su pasado pero que en realidad intenta de conseguir un nuevo trabajo en la television y que el puto doctor chiambretti invita las actriz porno en su programa para que la gente se acerca a markette.

8. Tadz il 05. aprile 2009 alle 2:39 pm dice:

SIETE DEI BACCHETTONI DEL CAZZO!!!….INTANTO ANITA E’ UNA DEA,UNA RAGAZZA DI UNA BELLEZZA A DIR POCO INCREDIBILE!…E POI PENTITA O MENO,CHE CAZZO VE NE FREGA???…per quanto riguarda l’italiano,lo parla sicuramente meglio di certi TERONI DEL CAZZO!!!…W ANITA,W L’EST!!

Lascia un commento

Puoi usare questi Tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>